Questo sito NON fa uso di cookie a fini di profilazione.
Sono presenti invece cookie di terze parti per l’analisi della navigazione e l’integrazione con i social network.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

IMU, Equiparazione all'abitazione principale delle unità immobiliari concesse in comodato a parenti di primo grado

imu 3Al fine di agevolare la fascia di popolazione che ha ceduto a titolo gratuito un’abitazione di proprietà ai propri figli, vista la volontà dell’Amministrazione Comunale assunta in sede di discussione del Bilancio di Previsione dello scorso anno, e vista la Proposta di Delibera presentata

dai Gruppi Consiliari di Opposizione, in data 27 novembre 2013, dal titolo “Determinazione delle aliquote dell’Imposta Municipale Propria per l’anno 2013”

il Consiglio Comunale svoltosi il 5 dicembre 2013
HA DELIBERATO

1. di equiparare all’abitazione principale, ai fini IMU, le unità immobiliari e relative pertinenze, così come disciplinato dalla vigente normativa, escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo dell’imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che utilizzano come abitazione principale;

2. di stabilire che in caso di più unità immobiliari concesse in comodato dal medesimo soggetto passivo dell’imposta, l’agevolazione può essere applicata ad una sola unità immobiliare;

3. di subordinare la spettanza del beneficio alla presentazione, a pena di decadenza, di un’apposita comunicazione su modello predisposto dall’Ufficio Tributi dell’Ente e presentato, al protocollo generale del Comune, entro il 31.12.2013 da cui risulti:
a) che il comodatario/usuario abbia la residenza anagrafica nell’immobile oggetto d’imposta con nucleo familiare distinto rispetto a quello del proprietario del fabbricato;
b) che il fabbricato oggetto d’imposta sia regolarmente iscritto in catasto e non rientri nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
c) che il fabbricato oggetto d’imposta sia regolarmente dichiarato ai fini TARSU/TARES dal comodatario/usuario;
d) che il fabbricato, sotto qualsiasi forma, non sia stato, non è e non sarà oggetto di locazione, uso o comodato a terzi nel corso dell’anno;
e) che il proprietario entro e non oltre il 31.12.2013 presenti presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Riano apposito modello di autocertificazione così come predisposto dall’Ufficio Tributi.

Scarica il modello di autocertificazione.

 

Valid XHTML 1.0 Transitional

Sito ufficiale del Comune di Riano. L.go Montechiara 1 00060 Riano (RM)
C.F. 02682200585, P.IVA 01101431003
Tel. 069013731, Fax 069031500