Questo sito NON fa uso di cookie a fini di profilazione.
Sono presenti invece cookie di terze parti per l’analisi della navigazione e l’integrazione con i social network.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Divieto abbruciamento residui vegetali e obbligo pulizia terreni

abbruciamento

fronte stradaSi rende noto a tutta la cittadinanza che, con ordinanza n. 47 del 23.05.2017 è disposto quanto segue in merito all'abbruciamento dei residui vegetali e alla pulizia dei terreni:

 

- Nel periodo di massima pericolosità per gli incendi, ovvero dal 15 giugno al 30 settembre 2017è vietato, in prossimità dei boschi, terreni cespugliati e nei terreni agricoli ricadenti all’interno del territorio comunale, compiere qualunque azione che possa arrecare pericolo di incendio. In particolare è vietato: accendere fuochi per qualsivoglia finalità (barbecue, fuochi di bivacco o di campeggio temporanei), usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producano faville, depositare e l’accendere immondizie di qualsiasi natura, bruciare stoppie e altri residui di lavorazione e usare fuochi d’artificio, in aree diverse da quelle appositamente individuate e comunque senza le preventive autorizzazioni;

Nel medesimo periodo si prescrivono i seguenti interventi preventivi: i proprietari e/o conduttori di aree agricole e di stabili con annesse aree verdi, dovranno provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia dei terreni invasi da vegetazione o incolti, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità pubblica e l’igiene pubblica, in particolar modo provvedendo all’estirpazione di sterpaglie e cespugli, nonché al taglio di siepi, vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade e alla rimozione di rifiuti e quant’altro possa essere veicolo d’incendio. I proprietari ed i possessori a qualsiasi titolo di terreni ricadenti in tutte le predette fattispecie saranno ritenuti responsabili dei danni che si verificassero per negligenza o per inosservanza delle prescrizioni impartite.

Ai sensi dell’art. 29 del Codice della Strada vige l’obbligo per i proprietari dei terreni o abitazioni confinanti con le sedi stradali di ogni ordine e grado di tenere regolarmente puliti e tagliati siepi e rami, che si protendono oltre il confine stradale, che nascondano la segnaletica o che possano causare il restringimento della sede stradale stessa; agli eventuali trasgressori sarà applicato il disposto art. 29 D.lgs 285 commi 1, 2 e 3 che prevede una sanzione amministrativa in misura ridotta pari ad €169,00, in concomitanza all’applicazione della sanzione accessoria del ripristino dello stato dei luoghi;

Salvo i casi previsti dal Codice Penale o da leggi speciali, le infrazioni alla presente ordinanza saranno punite ai sensi dell’art. 7 bis del Decreto Legislativo 267/2000 e della Legge 353/2000.

Ai proprietari di terreni incolti che non provvedano al taglio della vegetazione cresciuta in modo irregolare sarà applicata la sanzione amministrativa in misura ridotta di € 200,00 con obbligo al ripristino dello stato dei luoghi, ai sensi del disposto art. 16 della Legge 689 così come modificato dall’ art. 6bis della Legge 125/2008 e così come recepito dalla Deliberazione della Giunta Comunale n° 26 del 19.02.2010. In caso di inadempienza il Comune provvederà alla pulizia dei terreni con addebito delle spese ai legittimi proprietari.

 

AddThis Social Bookmark Button

Valid XHTML 1.0 Transitional

Sito ufficiale del Comune di Riano. L.go Montechiara 1 00060 Riano (RM)
C.F. 02682200585, P.IVA 01101431003
Tel. 069013731, Fax 069031500